Il fine meritevole giustifica l’utilizzo elastico dei mezzi: la Corte e la “ridondanza”