Convivere con verità penultime? Un percorso kantiano