"Fatti di norme". Sul riconoscimento ideologico della vergogna