Difetto di presupposizione e rimedi esperibili: il revirement della Suprema Corte