Un’esistenza indivisibile. Complessità, “governance” e responsabilità nell’età globale