Dall’esperienza inglese a quella toscana: le scelte metodologiche