Sulla responsabilità la Cassazione lancia il guanto di sfida