Meno parlamentari, più democrazia?