Sulla vocazione politica della filosofia (di Donatella Di Cesare)